Un Luca Cupiello di fine Novecento, ovvero Cico Righi in ‘…e fuori nevica!’ di Vincenzo Salemme.

“Siccome sei mezzo scemo ti dobbiamo rinchiudere in una clinica, perché Stefano si deve sposare e non si può certo tenere in casa un povero mentecatto, tu devi andare in giro a suonare le canzoni… Mamma non c’è più che mi fa compagnia… okay, vado in clinica… Smette di nevicare? E a me che me… Read More Un Luca Cupiello di fine Novecento, ovvero Cico Righi in ‘…e fuori nevica!’ di Vincenzo Salemme.

Eduardo, Peppino e quel “veleno amarissimo” chiamato amore fraterno.

Due galli in un pollaio. Erano Eduardo e Peppino De Filippo negli anni Quaranta all’apice del successo di pubblico e di critica, ma evidentemente al culmine delle ruggini di carattere professionale e personale. Eduardo era stanco del teatro umoristico e voleva dare una svolta alle sue commedie: sentiva impellente il bisogno di un “teatro nuovo”… Read More Eduardo, Peppino e quel “veleno amarissimo” chiamato amore fraterno.

Eduardo e la coscienza dell’uomo: ‘Napoli milionaria’ (1945)

Scritta nel 1945 “tutta d’un fiato come un lungo articolo sulla guerra e sulle sue deleterie conseguenze” , Napoli milionaria mette a confronto due mondi: quello umano precedente al secondo conflitto mondiale e quello postbellico freddo, calcolatore ed egoista. Un dualismo rappresentato dai due protagonisti ed evidente fin dalle prime battute della commedia. L’azione, infatti,… Read More Eduardo e la coscienza dell’uomo: ‘Napoli milionaria’ (1945)

Eduardo e gli affetti familiari da ricomporre: Natale in casa Cupiello

Eduardo De Filippo la definì “un parto trigemino con una gravidanza di quattro anni”. I tre atti della sua commedia Natale in casa Cupiello, infatti, nascono uno alla volta, in anni diversi, mentre il copione (all’inizio prevalentemente a soggetto, soprattutto durante le prove) subisce continui rimaneggiamenti alla luce delle invenzioni nate in scena e in… Read More Eduardo e gli affetti familiari da ricomporre: Natale in casa Cupiello

Eduardo e il folle linguaggio della coscienza: ‘Le voci di dentro’ (1948)

Anche se scritta nello stesso anno de La grande magia, questa commedia risulta essere molto più amara e critica nei confronti dell’umanità postbellica. Qui gli uomini sono diventati oggetto di un tale “abbruttimento morale” che soltanto il male sembra riuscire a tenerli uniti. Questa, infatti, è la storia. Alberto Saporito ha sognato la famiglia Cimmaruta… Read More Eduardo e il folle linguaggio della coscienza: ‘Le voci di dentro’ (1948)

Eduardo e il folle ricorso al fantastico: ‘La grande magia’ (1948)

Nel 1948 Eduardo scrive La grande magia e Le voci di dentro. Il periodo storico è particolare: la guerra è finita da poco e ha lasciato dietro di sé macerie fisiche ma anche psicologiche. Gli Italiani sono disperati, disillusi, si sentono soli e non riescono a trovare valori positivi comuni su cui ricostruire la propria… Read More Eduardo e il folle ricorso al fantastico: ‘La grande magia’ (1948)

Eduardo e la folle presunzione del pater familias: ‘Non ti pago’ (1940)

Non ti pago è una commedia in tre atti scritta nel 1940 in cui il folle di turno costretto suo malgrado a scontrarsi con chi lo circonda (famiglia in primis) a causa della sua anacronistica visione del mondo è il protagonista don Ferdinando. Questa è la storia. Don Ferdinando è un padre di famiglia che… Read More Eduardo e la folle presunzione del pater familias: ‘Non ti pago’ (1940)

Eduardo e la comunicazione difficile: ‘Ditegli sempre di sì’

Il motivo della comunicazione difficile legato al tema della pazzia è alla base di Ditegli sempre di sì, commedia in due atti sul linguaggio scritta nel 1927. Il protagonista è Michele Murri un commerciante che a causa di una tara ereditaria è stato costretto a trascorrere un anno chiuso in manicomio. Tornato a casa si… Read More Eduardo e la comunicazione difficile: ‘Ditegli sempre di sì’

Eduardo e il conflitto fra individuo e società: “Uomo e galantuomo” (1922)

Con Uomo e galantuomo, commedia in tre atti del 1922, Eduardo mette in scena “la debolezza e la miseria umana” che emergono dal “dissidio tra la realtà delle passioni umane e la necessità delle convenzioni sociali” . Protagonisti sono Gennaro, capocomico di una compagnia di poveri guitti con la quale vive in un albergo arrangiandosi… Read More Eduardo e il conflitto fra individuo e società: “Uomo e galantuomo” (1922)

Eduardo De Filippo fra giorni pari e giorni dispari

Nato al principio del secolo scorso (24 maggio del 1900), vissuto fra due guerre, Eduardo De Filippo avverte intensamente quella ‘crisi dell’essere’ che investe l’uomo che affronta due conflitti mondiali subendone le conseguenze non solo materiali ma anche morali. Per questo motivo, nell’immediato primo dopoguerra, il teatro farsesco di Petito e Scarpetta non lo soddisfa… Read More Eduardo De Filippo fra giorni pari e giorni dispari